Pil finalmente in crescita: +0,3% nel terzo trimestre, su anno +0,9%

  • 18 Novembre 2016

Ripresa della crescita in Italia: nel terzo trimestre del 2016 il prodotto interno lordo, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,9% nei confronti del terzo trimestre del 2015. Lo ha rilevato l'Istat nella stima preliminare secondo cui la variazione acquisita per il 2016 è pari a +0,8% a fronte di uno 0% rilevato nel trimestre precedente.

Immediato il commento del premier Matteo Renzi: "I numeri cominciano a ingranare, ma ancora è lunga. I dati non sono ancora soddisfacenti, ma per la prima volta in questo trimestre l'Italia va meglio della Francia e della Germania. Insomma, c'è un'inversione" Renzi ha aggiunto che "Il problema è che c'è un Nord tornato allo stato pre-crisi e un Sud che ha pagato il conto della crisi".

La crescita congiunturale è la sintesi di un aumento del valore aggiunto nei comparti dell’industria e dei servizi e di una diminuzione nell’agricoltura. Dal lato della domanda, vi è un contributo ampiamente positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte), in parte compensato da un apporto negativo della componente estera netta.

Nello stesso periodo il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,7% negli Stati Uniti, dello 0,5% nel Regno Unito e dello 0,2% in Francia. In termini tendenziali, si è registrato un aumento del 2,3% nel Regno Unito, dell’1,5% negli Stati Uniti, dell’1,1% in Francia. Nel complesso, il Pil dei paesi dell’area Euro è cresciuto dello 0,3% rispetto al trimestre precedente ed dell’1,6% nel confronto con lo stesso trimestre del 2015.

Trova aziende e prodotti

Video - Colorificio Veneziano

Video - NMC Italia