Colore & Hobby - Ed. 439 febbraio 2024

110| FEBBRAIO 2024 2024: L’ITALIA E L’EXPORT CHE VERRÀ L’anno 2024 si prospetta cruciale per l’Italia nel contesto del commercio internazionale. L’export è uno straordinario motore di crescita e rappresenta circa il 40% del prodotto interno lordo. Dopo un 2022 caratterizzato da una crescita significativa (+9,9%), le esportazioni italiane hanno rallentato nel 2023 (+0,8%) e si prevede una crescita ancora moderata nel 2024 (+2,3%), ancora sotto i ritmi pre-pandemia. Il calo nel tasso di crescita dell’export di beni dell’anno appena passato è legato alla diminuzione della domanda mondiale, specialmente nei principali mercati di destinazione dei prodotti italiani, quali Germania e Stati Uniti. Nei primi 8 mesi del 2023, l’export maniIl 2024 si delinea come un anno di opportunità per rafforzare la presenza dell’Italia sui mercati internazionali, riorientare parte dei flussi, diversificare i mercati di sbocco e promuovere un modello di sviluppo sostenibile e innovativo. fatturiero si è ridotto (-1,0% rispetto allo stesso periodo 2022, a prezzi costanti) facendo registrare poche variazioni positive. L’export di autoveicoli ha realizzato invece il maggior incremento (+19,1%), compensando la debole crescita del 2022; seguono l’occhialeria, i macchinari -primo settore per peso dell’export-, gli altri mezzi di trasporto -in forte decremento rispetto al 2022-, e i prodotti farmaceutici, che avevano registrato una crescita significativa nel 2022. Quest’anno, si prevede un’ulteriore crescita dell’export di autoveicoli e occhialeria; mentre i settori farmaceutico e dei macchinari manterranno un ruolo chiave. Non solo. Il 2024 si preannuncia come un anno in cui la sostenibilità FOCUS EXPORT A CURA DI MARTA BONATI, EBURY ITALIA

RkJQdWJsaXNoZXIy MTI4NzA=