Colore & Hobby - Ed. 439 febbraio 2024

COLORE & HOBBY |63 Nella foto di gruppo, da sinistra, Alfredo Cirasa, responsabile area colore; Pino, titolare fondatore; Fabrizio Muratori, area manager Sikkens; Roberto Motta, agente Sikkens; Mariella Cirasa, edilizia gestione ordini e magazzino; Gaetano Cirasa, colore e idraulica. all’impresa. Per Kulúra la famiglia Cirasa ha voluto un posizionamento differenziante, che punta sull’alta qualità dei prodotti e dell’offerta, con l’obiettivo di elevare la vendita del colore in questa zona decentrata di Palermo. Perciò, quelli selezionati per le tre strutture sono partner di primo piano sul mercato e offrono il tipo di competenza, professionalità e servizio che Kulúra vuole garantire al suo pubblico. Tra questi, come ci spiega Cirasa, insostituibile è AkzoNobel con i brand Sikkens ed Herbol: “È un marchio molto prestigioso che ci permette di intercettare e interloquire con tutti i target che vogliamo coinvolgere: privati, professionisti ma anche architetti, progettisti e interior designer, arricchendo la clientela ed elevando la percezione della nostra azienda. Questo percorso con AkzoNobel ci sta regalando soddisfazioni importanti, permettendoci di rispondere a qualunque esigenza con un’ampiezza e una completezza di gamma che soddisfa a pieno la clientela grazie a risposte immediate per qualunque problematica”. Una cosa è certa: qui il cliente è di casa e subito lo siamo anche noi, merito dell’approccio di questa famiglia di imprenditori, perfettamente espresso dal titolare: “La nostra caratteristica è quella di cercare il rapporto con l’interlocutore: con grande rispetto e amicizia siamo sempre vicino al nostro cliente. Così costruiamo fidelizzazione e relazione con le persone, che è la cosa più importante!”... ne parliamo con Pino e Alfredo Cirasa. Come è nata Kulúra? E come è arrivata ad essere una realtà strutturata com’è oggi? Pino - Iniziamo col dire che la mia esperienza professionale affonda le radici nell’infanzia, perché fin da bambino, essendo bravo in matematica, aiutavo mio padre in bottega stando spesso in cassa. Perciò, posso dire di essere nel settore da sempre e nel 2009 ho deciso di creare la società e il brand Kulúra. Devo dire che la mia famiglia mi ha sempre supportato e accompagnato, in primis mia moglie Maria Teresa, che mi ha spronato a mettermi in gioco e a fare un passaggio esistenziale e professionale importantissimo, mi ha dato coraggio e tanta fiducia. Infatti, lasciare la società in cui lavoravo per fondare Kulúra è stato difficile, ma

RkJQdWJsaXNoZXIy MTI4NzA=