Colore & Hobby - Ed. 440 marzo 2024

20| MARZO 2024 la comunicazione istituzionale e i decorativi. Abbiamo creato un font appositamente per Ard che abbiamo registrato e che riprende le curve usate nei loghi. Anche l’immagine di imballi e cartelle è diventata minimal, con un’onda di colore che sembra tracimare dal vaso e riprende il colore del coperchio con nuance e fantasie che identificano le nostre diverse famiglie di prodotto. Al contempo riporta al filo conduttore dei rombi usati fino ad oggi nei nostri packaging. Abbiamo ridotto i testi e aumentato l’utilizzo di pittogrammi, icone, simboli e QR code per una comunicazione molto più immediata ed efficace. Le cartelle seguono il layout degli imballi e con l’occasione abbiamo rinnovato molte tinte, virando su tonalità più di tendenza come i neutri e i grigi. I decorativi seguono una linea speciale: nelle geometrie in contrasto tra nero e verde Tiffany, cercando con attenzione si può anche qui trovare l’onda che caratterizza i nuovi imballi tradizionali, mantenendo per tanto un family feeling con il resto dell’offerta, pur distinguendosi e proponendosi come un vero e proprio oggetto di design. Abbiamo lavorato a 360° rifacendo il sito web, sviluppando campagne di maxi-affissioni su cartelloni e mezzi nelle città più importanti. Poi abbiamo realizzato un video sul cambiamento, che racconta come il colore accompagna le trasformazioni della nostra società e come anche Ard si sia coordinata per seguire il presente e guardare al futuro. Sarà trasmesso su tutti i principali canali televisivi nazionali, abbinato ad eventi premium e anche online sui social e sui più importanti siti consultati tipicamente dai nostri stakeholders. Abbiamo però voluto mantenere un legame con il passato, il nostro prodotto più storico ed iconico, l’Idropaint continuerà ad essere distribuito nel tradizionale imballo in metallo con il vecchio logo dell’indiano, per lasciare viva la nostra tradizione. I nostri obiettivi sono avere un’immagine che sia coerente ai valori, alla strategia e alla visione nonché ai contenuti di performance dei prodotti, alle nostre dimensioni e alla nostra storia, mantenendo la riconoscibilità e proponendo una comunicazione più internazionale, che supporti anche l’export. Confidiamo che possa valorizzare il nostro modo di lavorare e tradursi anche in una crescita di volumi che premi il nostro impegno. È stato difficile scegliere la soluzione di restyling finale? È stato un lavoro difficile e lungo, durato quasi due anni. È stato anche un percorso emozionante e coinvolgente, di rilancio e di condivisione. Il vecchio indiano seppur con tutti i segni del tempo era una figura iconica; quindi, abbiamo dovuto ponderare al meglio ogni scelta coinvolgendo sia il nostro team interno che numerosi professionisti esterni. Lavorare con molte professionalità diverse ed eterogenee permette di avere una visione più completa, si analizza ogni argomento a un grado di dettaglio molto profondo ed è più complesso arrivare a tracciare un percorso che convinca tutti. Quando ciò succede si ha la sensazione di appagamento come aver percorso una maratona o scalato una cima impegnativa e ci siamo convinti di aver scelto la soluzione migliore. Quanto tempo occorrerà affinché il brand sostituisca il suo predecessore? Ci siamo dati fino a gennaio 2025 per far in modo che nulla, Idropaint escluso, esca dai nostri stabilimenti e dai nostri magazzini con il vecchio logo. È un traguardo ambizioso e sfidante per un’azienda che muove decine di milioni di litri e gestisce oltre 500 file grafici. Questo progetto è una tappa che scrive una pagina di storia dell’azienda e apre al futuro, che segna indelebilmente un cambio di mentalità volendo enfatizzare in maniera molto più incisiva contenuti che sono sempre stati nel DNA di ARD. . COPERTINA ARD RACCANELLO Il rebranding dei prodotti decorativi ARD segue regole dedicate che prevedono il logo in color oro e le cartelle colori e le latte con una geometria in contrasto tra nero e verde Tiffany.

RkJQdWJsaXNoZXIy MTI4NzA=