Colore & Hobby - Ed. 440 marzo 2024

90| MARZO 2024 trasformare il comparto. Una prospettiva del domani più ecocompatibile che è condivisa da tutti gli espositori, dagli esperti internazionali, dalle associazioni e dalle istituzioni presenti -come la delegazione di aziende e professionisti olandesi e norvegesi, la camera commercio Varese, la delegazione parlamentare e IPES Nord Est Italia- accomunati dal medesimo obiettivo: adottare soluzioni concrete per la sostenibilità del settore e la risoluzione delle sfide ambientali, mettendo al centro innovazioni rivoluzionarie che garantiscano benefici tangibili fin da oggi a beneficio delle generazioni future. In questo contesto si inserisce il Klimahouse Future Hub, un laboratorio d’avanguardia in cui è stato possibile esplorare in anteprima le proposte di 17 pioneristiche startup, selezionate da Klimahouse in collaborazione con PoliHub, l’Innovation Park & Start-up Accelerator del Politecnico di Milano. Una partnership basata sulla comune vocazione a innovare, per individuare le più avanzate soluzioni di ricerca&sviluppo da introdurre sul mercato, e che trova la massima espressione con lo Start up Contest, che in questa edizione ha visto la vittoria ex equo di RECO2 e LabNEXT. La prima con pavimentaMERCATO EVENTI I numeri di Klimahouse 2024 parlano di una manifestazione di successo. Qual è la vostra opinione in merito? Giudicate che la vostra partecipazione sia stata proficua? Fabrizio Vaira, direttore commerciale DAW Italia- Confermiamo che è stato un successo sopra le aspettative, soprattutto l’interesse dimostrato non solo sulle tematiche di efficientamento energetico ma sulla nostra proposta a 360°. La partecipazione è stata decisamente proficua, sia dal punto di vista della qualità dei contatti acquisiti sia per l’entusiasmo percepito all’interno del nostro stand. Benjamin Stecher, amministratore delegato Rofix- A giudicare dai molti visitatori che sono venuti al nostro stand, possiamo sicuramente essere soddisfatti di Klimahouse 2024: abbiamo avuto una dimostrazione concreta del fatto che siamo ben riconoscibili e positivamente conosciuti sul mercato nazionale. Il pubblico è stato vario, dai giornalisti, ai progettisti, agli enti e ordini professionali, alle imprese, agli studenti delle scuole professionali a cui diamo particolare attenzione in quanto sono il nostro futuro. Infine, non possiamo dimenticare i nostri rappresentanti della forza vendita, provenienti da tutta l’Italia. Per il lancio della nostra campagna di comunicazione legata alla strategia di sostenibilità non poteva esserci una piattaforma migliore. Lorenzo Bruzzone, coordinatore vendite edilizia professionale Boero - Siamo d’accordo nel definire Klimahouse 2024 un’edizione di successo. I visitatori alla fiera sono stati circa 33.000, un numero quasi invariato rispetto ai 32.000 dell’edizione 2023 ma abbiamo rilevato un incremento di visitatori di qualità, infatti, le visite presso il nostro stand hanno generato un importante incremento del 50% in termini di contatti professionali registrati. In generale è stata un’ottima occasione per fare networking e per presentare agli utenti le nostre novità, sono state molte le possibilità di scambio e gli incontri con professionisti del settore e non sono mancate le occasioni di partecipare, sia come ascoltatori che come oratori, a talk e dibattiti su temi molto attuali e d’interesse che si sono rivelati importanti opportunità per raccontare la visione di Boero al grande pubblico presente in fiera. Pensate che i contenuti della manifestazione, orientata in maniera inequivocabile verso i driver della sostenibilità e del buon costruire, siano stati rappresentati al meglio? Fabrizio Vaira- La manifestazione ha mantenuto le aspettative, confermandosi come vero punto di incontro evoluto del costruire con coscienza. Benjamin Stecher- Sì, il programma della fiera e i focus degli altri espositori sono stati basati sui driver della sostenibilità: ormai non è più né una novità, né una parola di moda o un argomento di nicchia, ma è parte integrante del settore edile. Sarebbe anche molto interessante per le prossime edizioni approfittare di argomenti comuni per creare più occasioni di networking tra produzione e costruzione e potenziare le dimostrazioni pratiche che avvicinano all’utilizzo dei prodotti e alle loro caratteristiche specifiche. IL COLORE TORNA A KLIMAHOUSE:

RkJQdWJsaXNoZXIy MTI4NzA=