Il “welfare familiare” ricopre il 6,5 per cento del pil

  • 10 Novembre 2017
Dopo gli alimentari e la casa, la terza voce di spesa delle famiglie italiane è il cosiddetto “welfare familiare”: vale 109,3 miliardi di euro, ricoprendo il 6,5 per cento del pil.
Si tratta quindi di uno dei settori più importanti e produttivi del nostro sistema economico. A evidenziarlo è la prima edizione dell’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane, presentato alla Camera dalla società di consulenza aziendale Mbs Consulting. A causa della crisi, le spese di welfare familiare tendono a ridursi, in particolare per le cure assistenziali degli anziani e delle persone non autosufficienti (con un tasso medio di rinuncia del 76,2 per cento). Oltre alle cure sanitarie (36,7 per cento), ai servizi per i figli (41,1 per cento) e all’istruzione (35,4 per cento), gli italiani rinunciano anche alla cultura e al tempo libero (33,8 per cento).

Trova aziende e prodotti

Video - Eclisse

Video - Crer