×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 342

Pil, l'Istat conferma la crescita zero

  • 06 Settembre 2016

L'Istat gela le aspettative del governo. Il Tesoro attendeva una revisione al rialzo del pil nel secondo trimestre ma l'istituto di statistica ha confermato la crescita zero congiunturale del secondo trimestre.

E' stata stimata, invece, una leggera revisione al rialzo per la crescita acquisita per il 2016, con un +0,7% rispetto al +0,6% delle stime diffuse durante l'estate. Leggero ritocco al rialzo anche per la stima tendenziale: rispetto al secondo trimestre 2015 la crescita sale dallo 0,7% allo 0,8%.

La prima reazione del ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan, è comunque all'insegna dell'ottimismo. "La crescita c'è, anche se è debole", dice, aggiungendo che "La crescita si può aumentare. La legge di bilancio che ci apprestiamo a preparare -aggiunge Padoan- è basata sui principi che abbiamo seguito fin qui e cioè da una parte si continua con il consolidamento di finanza pubblica, e allo stesso tempo le risorse che sono ovviamente limitate, saranno usate in modo selettivo con particolare enfasi e un sostegno agli investimenti e alla produttività, ma anche con un occhio alle esigenze dei pensionati".

Di opinione opposta è il Codacons, il cui presidente Carlo Rienzi ha dichiarato: "I dati sul Pil diffusi oggi dall’Istat rappresentano una bastonata per il governo italiano, che ha letteralmente 'steccato' sulle previsioni relative al Pil, il cui incremento tendenziale era fissato all’1,2%".

Trova aziende e prodotti

Video - Litokol