Sicurezza in cantiere: gli strumenti per proteggersi al meglio

  • 07 Giugno 2018

Chi lavora in un cantiere si trova a operare quotidianamente in situazioni che, se affrontate con leggerezza o senza rispettare le norme vigenti in materia di sicurezza, rischiano di comprometterne gravemente la salute o, peggio, di provocarne la morte. Per ridurre il più possibile il rischio di infortuni sul lavoro è necessario dotarsi dei dispositivi di protezione individuali adeguati.

Questi strumenti devono essere forniti dal datore di lavoro insieme alle corrette informazioni sul loro utilizzo. Da parte sua, il lavoratore deve impegnarsi a farne uso ogni volta che le circostanze lavorative lo richiedono, a conservarli con cura e a segnalare al responsabile dei lavori qualsiasi anomalia dovesse riscontrare nel dispositivo di protezione individuale ricevuto in dotazione, pretendendone la sostituzione nel caso in cui presenti difetti o segni di usura.

Nell’immaginario popolare, nessun altro accessorio è emblematico della figura dell’operatore edile quanto l’elmetto o il casco. In Italia, però, l’uso del casco nei cantieri è ancora piuttosto raro, anche se si tratta di un importantissimo mezzo di prevenzione dal momento che i rischi di ferite o di traumi alla testa sono molto frequenti per chi ci lavora. Anche gli infortuni agli occhi costituiscono ancora un numero rilevante di causa di invalidità. In tutte le operazioni in cui si può essere colpiti agli occhi da polveri, schegge o spruzzi, gli occhiali di protezione sono l’unico mezzo disponibile per evitare infortuni che possono avere conseguenze estremamente gravi.

Un numero molto alto di infortuni, anche se lievi, è rappresentato da abrasioni, punture e tagli e contusioni alle mani. I guanti sono un valido mezzo di protezione per tutte queste ferite, mentre per proteggere adeguatamente il tronco e le braccia quando si manipolano sostanze corrosive o nocive e quando si svolgono lavori di sabbiatura o saldatura, esistono numerosi tipi di indumenti impermeabili o resistenti agli agenti chimici e meccanici, indumenti difficilmente infiammabili e grembiuli di cuoio. Da non sottovalutare, inoltre, gli impermeabili, le giacche a vento e i copricapi capaci di garantire una protezione efficace contro le intemperie, sempre possibili nel caso di lavori all’aperto.

Le condizioni di lavoro in cantiere richiedono scarpe di sicurezza robuste, dotate di suole antiperforanti antisdrucciolo e di puntale, mentre per evitare di inalare polveri nocive, è necessario utilizzare dei facciali filtranti o maschere. Per proteggere l’udito da possibili traumi durante l’uso di utensili pneumatici o comunque rumorosi, come i flessibili, esistono apposite cuffie o tappi auricolari e le cinture di sicurezza devono essere utilizzate (art. 10/DPR 164) in tutti i casi in cui si debba operare ad altezze superiori ai 2 metri e ove non sia possibile installare ponteggi, parapetti e reti di sicurezza.

Trova aziende e prodotti

Video - Amonn