Vernici industriali: evoluzioni e obiettivi futuri

  • 12 Marzo 2020

I contenuti che emergono dall’ultima assemblea annuale di Federchimica confermano i driver già noti per l’industria chimica italiana e le criticità che derivano dal contesto ambientale, politico e sociale.

La chimica rappresenta da sempre il futuro e la risposta ai cambiamenti e verso questo atteggiamento spontaneo, consapevole e proattivo è necessario rinsaldare la fiducia per rispondere alle grandi problematiche legate al clima, alla gestione delle risorse e alla sostenibilità ambientale.

In un anno complicato, il settore chimico mantiene le sue solide caratteristiche strutturali con un valore di produzione pari a 56 miliardi di euro, una quota destinata all’export che supera il 50%, oltre 2.800 imprese e circa 110mila addetti. L’Italia è il terzo produttore europeo nel settore chimico e l’undicesimo a livello mondiale. E dal punto di vista della sostenibilità, il sistema chimico è esemplare in termini di qualità e innovatività, con grande attenzione a sicurezza, salute, ambiente, formazione e ricambio generazionale.

Dati che confermano la salute e l’importanza di un comparto che ha l’onere di dover mantenere il suo trend di crescita e che, nel farlo, deve essere supportato da una coerente semplificazione normativa e da una riforma della pubblica amministrazione. Va ricordato che la chimica è il settore più regolamentato e che è il più utile a trasferire ai settori manifatturieri soluzioni innovative finalizzate all’efficienza e alla sostenibilità.

Per questo occorrono investimenti in ricerca e sviluppo, la valorizzazione dei centri di eccellenza e, al tempo stesso, il superamento di orientamenti antiscientifici che penalizzano la ricerca e la competitività industriale. Devono, inoltre, essere migliorate le strutture che favoriscono l’impiego e lo sviluppo della chimica, per esempio quelle deputate alla gestione dei rifiuti e alla garanzia di un’economia circolare.

Le vernici per industria, figlie del comparto chimico italiano, ne incontrano le stesse criticità e gli stessi condizionamenti: normative sempre più puntuali e stringenti in termini di sicurezza e di tutela dell’uomo e dell’ambiente, situazione climatica e ambientale stressata e spesso imprevedibile, necessità di appartenere a una logica di economia circolare, attenzione incondizionata alla sostenibilità. Come vivono le aziende produttrici di vernici per industria questo contesto e come si muovono al suo interno? Lo abbiamo chiesto a loro ed ecco cosa ne è emerso.

 

leggi def

Trova aziende e prodotti

Video - Colore & Hobby