Gruppo IVAS: segnali rassicuranti e concreta progettualità

  • 12 Luglio 2018

Si è svolta lo scorso mese di aprile a Milano Marittima la convention del Gruppo IVAS, una 'due giorni' per agenti e distributori italiani ed esteri molto intensa, nel corso della quale sono emerse ben chiare lo stato di salute dell'azienda e la progettualità che sta dietro alla sua attività.

L’ospitalità di Vincenzo e Werther Colonna -amministratore delegato e presidente del Gruppo IVAS- ha accompagnato i partecipanti, alternando momenti di informazione a quelli conviviali, in perfetto stile romagnolo.
Durante i saluti rivolti al pubblico, la proprietà di IVAS ha puntato l’accento sulla situazione economica generale e settoriale, denunciandone un affaticamento riconosciuto da tutto il mercato e, al contempo, ha evidenziato la strategia messa a punto dell’azienda per fare fronte a questa congiuntura.

Nel vivo della convention, l’intervento di Mario Paganelli -direttore commerciale IVAS- ha descritto il mercato con dovizia di particolari, contestualizzando in modo approfondito l’attività strategica di IVAS.
“Il mercato si è ristretto -ha spiegato Paganelli- è più articolato sia in termini quantitativi che qualitativi: sono aumentati i player che distribuiscono prodotti vernicianti e si sono complicate le dinamiche che regolano i rapporti commerciali. È evidente che in uno scenario di questo genere solo un patto forte, leale e trasparente tra distributore e produttore può garantire sviluppo e futuro alle rivendite piccole e indipendenti”.
La dinamica da porre in atto, a questo punto, è incentrata su ciò che bisogna fare per non perdere quote di mercato e la linea tracciata da IVAS appare coerente con questo obiettivo.

“Occorre presidiare il territorio -ha proseguito ancora il manager-, stimolare la domanda, puntare su servizi-prodotti e nicchie di mercato, lavorare incessantemente su immagine e marketing e perseguire puntualmente la professionalizzazione e la fidelizzazione del cliente”.
IVAS si pone, dunque, in relazione con queste specifiche esigenze in maniera proattiva e propositiva e lo fa, per esempio, perseguendo la capillarizzazione della distribuzione con conseguente ottimizzazione delle energie e maggiore incisività sul territorio.

“Bisogna disaggregare la distribuzione per rafforzarla perché non è più sufficiente avere un deposito per presidiare una zona -ha affermato Paganelli-: per questo IVAS stessa ha acquisito dei punti vendita”.
L’azienda sta ottimizzando alcuni strumenti fondamentali alla distribuzione, come il nuovo sistema tintometrico YouColor, un vero e proprio network del colore su misura, che si esprime attraverso una soluzione originale e altamente prestazionale a 32 paste ad acqua e solvente e un software che consente di riprodurre qualsiasi colore, salvarlo in un proprio archivio/database ed essere aggiornato automaticamente ad ogni ampliamento e miglioria conseguita in azienda.

Il supporto di IVAS alla distribuzione si concretizza anche con l’implementazione dei prodotti, a partire dai decorativi di Metropolis, ma coinvolgendo anche le altre divisioni Pitture e Vernici, Sistemi di Isolamento a Cappotto, Resine Industriali, Malte Tecniche.
“Ciò che prima avveniva in maniera diretta all’interno del punto vendita richiede oggi un lavoro più intenso tra gli attori della filiera -ha detto ancora Paganelli-: la presenza nei capitolati e la pianificazione dei progetti di zona tra distributori e aziende evidenziano le specificità del punto vendita, ne qualificano le competenze e ne aumentano il business”.

 

leggi def

Trova aziende e prodotti

Video - Baldini