Riciclo del legno: Italia in testa

  • 28 Giugno 2022

I dati diffusi da Rilegno mostrano come il riciclo del legno sia fiore all’occhiello dell’Italia: 64,75% del totale diviene nuova materia prima, +7,8% nel 2021 rispetto all’anno precedente.

Nel 2021 sono state 1.985.251 le tonnellate di legno raccolto e avviato a riciclo, con una percentuale del 64,75 sugli imballaggi. Questi dati diffusi da Rilegno dimostrano come, dopo la pandemia, il riciclo del legno in Italia stia raggiungendo il suo massimo storico. L’incremento del volume sull’anno precedente è pari al +7,83%, con una nota particolarmente positiva per gli imballaggi che doppiano l’obiettivo del 30% fissato dall’Unione Europea al 2030.

Rilegno, Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi in legno con sede in Romagna, ha da poco confermato Nicola Semeraro alla Presidenza per il prossimo triennio. È proprio lui a ricordare come “il 95% del legno riciclato diventa nuova materia prima, una vera linfa vitale soprattutto in un periodo di scarsità di materie prime come quello che stiamo vivendo. La sostenibilità ambientale, sociale ed economica è un traguardo imprescindibile. Per questo, ormai da 25 anni, Rilegno conserva nel suo DNA i valori legati alla sostenibilità. A dimostrarlo i numeri, che raccontano una percentuale di riciclo degli imballaggi ben oltre i target fissati dalla UE e con un sistema di economica circolare che produce vantaggi economici e ambientali tangibili”.

Cresce anche l’attività di rigenerazione dei pallet, fondamentale in ottica di prevenzione, con oltre 908mila tonnellate recuperate pari a circa 70 milioni di pallet usati, ripristinati per la loro funzione originaria e reimmessi sul mercato. A livello territoriale è sempre la Lombardia a primeggiare con 541.915 tonnellate (il 27% del totale), seguita dall’Emilia-Romagna con 222.866 tonnellate, dal Piemonte con 156.566 tonnellate e dalla Toscana con 155.272 tonnellate.

Trova aziende e prodotti

Video - Borma Wachs

Video - New Lac