La fortuna di nascere venditore

  • 13 Ottobre 2020

Di manuali generici che parlano di tecniche di vendita ce ne sono molti, quasi sempre scritti da docenti; di testi pensati per il mondo delle pitture e scritti da un ‘commerciale’ sicuramente no, ed è proprio questo che rende unico La fortuna di nascere venditore di Andrea Cannarozzo.

Il suo libro è effettivamente sulle vendite, ma è anomalo se si pensa al genere di libri che si leggono sull’argomento. Non è un manuale e nemmeno un vademecum per diventare venditore: nella parte finale ci sono, certamente, approfondimenti utili per affinare le tecniche di vendita, quindi si parla di skill, di competenze tecniche, persino di abbigliamento, ma il racconto di Andrea è sempre originale e personale, ricco di aneddoti e curiosità.

Dalle pagine scritte da Cannarozzo esce l’idea di un mestiere, quello del venditore, che in qualche modo si ha dentro dalla nascita, come se si fosse dei predestinati: “Sono nato con la fortuna addosso di essere sempre stato un venditore -racconta Andrea-. È il destino che ha voluto così, non puoi spiegarlo altrimenti”.
Ma la fortuna deve essere coltivata e così, tra un consiglio e un aneddoto, le pagine scorrono veloci, e Andrea Cannarozzo, attraverso il racconto di sé, delle sue relazioni, delle sue esperienze, trasmette tutta la sua carica vitale e il suo inattaccabile ottimismo: nascere venditore è una fortuna e l’importante è non dimenticarsi mai di questa buona sorte.

Nella sua originalità, La fortuna di nascere venditore è uno strumento stimolante: il libro propone tantissimi spunti su cui riflettere, e il concetto di vendita diviene spesso metafora privilegiata del vivere e un invito a vivere la vita con coraggio e audacia, creatività e costante spirito di sacrificio.

 

leggi def

Trova aziende e prodotti