Efficienza energetica: gli obiettivi dell’Europa

  • 20 Febbraio 2019

Il 19 giugno scorso è stata pubblicata la nuova direttiva europea UE 2018/844 sull’efficienza energetica. La direttiva, entrata ufficialmente in vigore il 9 luglio 2018, dovrà essere recepita dagli Stati membri entro il 10 marzo 2020.

L’obiettivo dichiarato del provvedimento è quello di promuovere e rafforzare un approccio strategico a lungo termine da parte dei Paesi europei, chiamati a sostenere in maniera organica la ristrutturazione dell’intero parco immobiliare nazionale -pubblico e privato, a destinazione residenziale e non- allo scopo di raggiungere la ‘decarbonizzazione’ del patrimonio edilizio nel suo complesso, con l’abbattimento, entro il 2050, delle emissioni di gas serra dell’80-98% rispetto ai livelli registrati nel 1990, con target intermedi nel 2030 e nel 2040.

In particolare, la direttiva identifica alcuni strumenti e modalità per conseguire gli obiettivi di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici: la definizione, da parte degli Stati membri, di una strategia nazionale a lungo termine finalizzata alla promozione di ristrutturazioni economicamente efficienti, volte a trasformare gli immobili esistenti in edifici a energia quasi zero; l’introduzione degli “indicatori di intelligenza” in grado di misurare la capacità degli edifici di adattare il proprio funzionamento alle esigenze degli occupanti e della rete; l’implementazione di sistemi di automazione e controllo mirati a garantire il funzionamento efficiente del sistema-edificio; la promozione della mobilità elettrica attraverso la realizzazione di infrastrutture e posti auto destinati ai veicoli elettrici.

Una delle novità introdotte dalla direttiva è il principio dell’“efficienza innanzitutto”, che richiede agli Stati membri di tenere conto, prima dell’inizio dei lavori di costruzioni, “della fattibilità tecnica, ambientale ed economica dei sistemi alternativi ad alta efficienza energetica, se disponibili”, il cui utilizzo dovrà essere favorito negli interventi di “ristrutturazione importante”. Inoltre, dovranno essere prese in considerazione “le questioni del benessere termo-igrometrico degli ambienti interni, della sicurezza in caso di incendi e dei rischi connessi all’intensa attività sismica”.

 

leggi def

Trova aziende e prodotti

Video - Litokol